Nel 1989 Evelyn Lauder, vice president di Estèe Lauder, convince Alexandra Penney, direttore del famoso magazine femminile Self, a scrivere un articolo per attirare l’attenzione sul tumore al seno. Allora era il killer n.1 delle donne over35 ma non si parlava ancora di prevenzione.

La Penney aderisce con entusiasmo e l’ottobre dello stesso anno pubblica un pezzo sull’argomento. Soddisfatta del buon risultato Evelyn, che grazie alla sua posizione godeva di una certa popolarità tra i media, decide di proporre la stessa cosa ad altre testate: l’idea piace a tutte.

L’anno dopo è proprio la Penney a lanciare l’idea di un simbolo. Il nastro rosa viene scelto quasi casualmente ma prende subito piede.
Sono gli anni ’90 e assistiamo ad una sorta di crociata: sono i magazine stessi ad offrirsi di scrivere sull’argomento e lo fanno proprio ad ottobre, come l’anno precedente. Nessuno lo aveva dichiarato “mese della prevenzione”, eppure lo diventa spontaneamente grazie alla forza mediatica messa in moto da Evelyn.
Nel ’93 è sempre lei a fondare la Breast Cancer American Research Foundation, che sostiene la ricerca. Da donna pratica. sapeva che la prevenzione era importante, ma i fondi lo erano altrettanto. Fu lei la prima donatrice, tanto da finanziare l’intero piano di senologia (oggi porta il suo nome) del famoso Sloane Kettering Hospital, specializzato in oncologia.
Nel ’94 decise di diffondere la “missione” a tutto il mondo, e lo fece ovviamente grazie alla sua rete come brand nei diversi paesi. Ed è stata sempre Evelyn nel 2000 a promuovere l’iniziativa per “Illuminazione di luoghi e monumenti simbolo mondiali”, grazie alla quale, nel mese di ottobre, monumenti e siti storici sono illuminati in rosa per richiamare l’attenzione di tutti sulla lotta contro il tumore del seno. Nel 2010 sono stati illuminati in 24 ore 38 siti storici mondiali conquistando il primo Guinness dei Primati mondiali per il “Maggior numero di monumenti e siti storici illuminati per una causa in 24 ore”.

Evelyn Lauder, dirigente dell’azienda di cosmetici fondata dalla suocera Estée e fondatrice della Breast Cancer Research Foundation è morta nel novembre 2011. E’ stato proprio un tumore alle ovaie a stroncarla, all’età di 75 anni. E la città di New York per onorare questa grande donna ha deciso proprio di usare i “suoi metodi” illuminando in rosa, la notte della sua scomparsa l’Empire State Building